Accedi con
oppure

Un classico “cicheto” veneziano, il baccalà mantecato

Il baccalà mantecato alla veneziana è uno dei piattini più famosi della tradizione culinaria di Venezia.

Preparato con stoccafisso, cioè merluzzo artico di origine norvegese, il baccalà viene cotto e ridotto in crema e poi servito con polentina bianca o crostini di polenta.

E’ una ricetta molto raffinata e delicata che esalta il gusto del baccalà e impreziosisce un alimento considerato “povero” elevandolo a piatto gourmet che ha conquistato il mondo della cucina!

Se un autentico veneziano vi propone di fare un “giro di ombre” significa che probabilmente tra mezzogiorno e l’ora di cena berrete una dozzina di bicchierini in altrettanti locali e mangerete in abbondanza. L’ombra è infatti il “bichierin de vin” e con le ombre si mangiano i “cicheti”, stuzzichini tipici della cucina veneziana.
Tartine di pane o di polenta con baccalà mantecato è uno dei “cicheti” veneziani più tipici.

Una curiosità: lo stoccafisso ha proprietà anti-cellulite ed è un afrodisiaco naturale per eccellenza.

Vediamo adesso come prepara il baccalà mantecato il Vecio Fritolin, storico ristorante di Venezia a due passi dal ponte di Rialto.

Ingredienti
•    750 gr di Stoccafisso
•    500 gr di latte intero
•    1500 gr di acqua
•    1 lt Olio di arachidi
•    Sale e pepe q.b.

Preparazione
Mettete in ammollo lo stoccafisso in acqua fresca per almeno 2 giorni.

Quindi pulitelo, rimuovendo spine e pelle.

Mettetelo in una pentola con l’acqua ed il latte e fate cuocere finché il liquido non bolle; a questo punto regolate al minimo la fiamma e fate cuocere per 25 minuti al massimo.

Togliete il tutto dal fuoco e fatelo raffreddare per almeno mezz’ora.

Togliete il baccalà dal liquido e tenetelo a parte. Conservate anche 1/2 litro di liquido.
Passate nel mixer il baccale, poi ponetelo nella planetaria insieme ad un po’ di olio di arachidi e iniziate a montare; aggiungete un po’ di liquido di cottura, poi un altro po’ di olio di arachidi, poi (se serve) ancora del liquido di cottura, continuando finché l’olio non è terminato.

Aggiustate di sale e di pepe e amalgamate il composto con una spatola per non farlo smontare. Quindi coprite con pellicola e conservate in frigo a 4 gradi.

Seguici su Facebook e scopri il meglio dello street food

1
Precedente Sucessiva

Chiudi la gallery Torna su