Accedi con
oppure

Il caddozzone: cos’è e dove si può mangiare

Il termine caddozzone deriva direttamente dalla parola caddozzo che in dialetto sardo significa una persona puzzolente, ossia colui o colei che non si lava abbastanza.
Caddozzo quindi è una simpatica offesa che si usa per chi non è molto raffinato anzi piuttosto volgare.

Di qui il termine caddozzone che si riferisce in realtà a un panino davvero “puzzolente”, ripieno di tutto e di più, che si prepara in quei famosi localini da strada che si trovano sul lungomare del Poetto a Cagliari. In pratica si tratta di un gustoso panino ripieno di cibi vari e molto appetitosi che si può mangiare per strada sul lungomare del Poetto a Cagliari.
A Roma si chiamerebbe un panino “ignorante” e in altre città chissà in quanti altri modi. Ma a Cagliari il caddozzone è proprio un grosso e gustoso panino ripieno, perfetto per coloro che non amano la dieta e che non sono particolarmente salutisti. Si tratta di un paninozzo da mangiare per la strada quando si va al mare al Poetto ed è anche una sorta di trasgressione culinaria quando si ha voglia di qualcosa di buono anche se si sa che non è troppo salutare.

Inoltre con il termine caddozzone però si indicano anche tutte quelle bancarelle varie di Cagliari, situate nei pressi della spiaggia cittadina, il Poetto, che preparano e vendono succulenti e gustosi paninozzi. Tra questi rinomati ambulanti cagliaritani che vendono, lungo la strada che porta al mare del capoluogo sardo, grandi panini tutt’altro che dietetici, il primo fra tutti è un certo Baffo, rinomato in tutta la zona di Cagliari per la bontà dei suoi magnifici panini, appunto i caddozzoni.

I ragazzi che vanno al mare sulla spiaggia del Poetto amano fermarsi a mangiare un classico panino caddozzo da uno dei numerosi ambulanti della zona. Tutte queste bancarelle, oltre ad avere mediamente panini sempre buoni e gustosi, per cui è praticamente impossibile imbattersi in un panino scadente, hanno anche del personale molto cordiale e simpatico, con cui è possibile scambiare due chiacchiere mentre si gusta un ottimo caddozzone, magari accompagnato da una buona birrozza!

Questi tradizionali chioschetti del Poetto di Cagliari, tra cui spicca tra tutti lo storico locale chiamato “Da Baffo”, sono stati anche ripresi in un video di National Geographic Adventure che ha avuto più di sette milioni di visualizzazioni. Si tratta di ambulanti caratteristici della zona, tipici ristoranti da strada, che servono ai clienti panini gustosi e bibite fresche, soprattutto d’estate, anche fino a notte inoltrata.

Spesso questi caddozzoni sono stracolmi di mozzarella, di ottima carne di cavallo e di squisite patate fritte, proprio per conquistare il palato di coloro che sono appassionati dei prodotti tradizionali sardi.

L’estate scorsa il Comune di Cagliari ha deciso che i cosiddetti “caddozzoni” del Poetto, quei tradizionali ristoranti da strada che vendevano squisiti panini, devono essere trasferiti in seguito ai lavori di restyling che erano stati eseguiti sul lungomare del capoluogo sardo. Si tratterebbe di un cambiamento davvero storico che il Comune di Cagliari ha intenzione di mettere in pratica.

Ma sono in corso estenuanti trattative perché sia la maggior parte della popolazione cagliaritana che ma tutti i gestori di questi particolari “camion bar” situati vicino ai giochi gonfiabili per bambini, non sono affatto d’accordo. In questi ristoranti che vendono street food, soprattutto durante la stagione estiva, vengono venduti ogni giorno, anche fino a tarda notte, panini sfiziosi e succulenti, oltre a bibite di ogni tipo. E i clienti sono tantissimi: tutti si aspettano di andare al mare e di poter mangiare uno di quei panini ripieni di ciò che si vuole, dal cibo più trasgressivo a quello più semplice.

Ad annunciare questa decisione così triste per il mondo dello street food è stato il sindaco stesso l’estate scorsa cogliendo l’occasione di un incontro pubblico proprio al Poetto. Aveva detto che non sarebbero stati “eliminati” ma solo sistemati in un altro luogo che avrebbe dovuto avere una veste più piacevole in sintonia con questi nuovi chioschi. Si tratterebbe di un’occasione da non perdere per riuscire a riqualificare tutta la zona turistica di Cagliari, ossia quella della spiaggia del Poetto.

Il sindaco ha assicurato inoltre che si tratterebbe, per i titolari degli storici chioschetti, anche della possibilità di crescere dal punto di vista economico. Ma di trasferirsi i titolari dei caddozzoni non hanno alcuna intenzione. Inoltre questi gestori ambulanti, tra cui quello della rinomata paninoteca denominata Da zia Nenne, sperano sempre che il sindaco di Cagliari ci ripensi. Infatti queste bancarelle, i loro titolari e anche tutta la popolazione della zona, è nata e cresciuta qui e questa simpatica attività di vendita di panini per la strada esiste da più di quarantenni, quando non si parlava ancora di street food.

I gestori dei chioschetti cagliaritani chiedono infatti continuare a restare in quella zona e vorrebbero che l’area fosse riqualificata e possibilmente anche resa pedonale. Per tutti loro, all’unanimità, la soluzione ideale sarebbe poter finalmente posizionare delle sedie e dei tavoli per la strada dove gli avventori possono sedersi comodamente e gustare uno degli squisiti caddozzoni per la strada magari accompagnato da una bibita fresca al ritorno da una giornata assolata di mare.
Riusciranno i caddozzoni al resistere al Poetto e a continuare a vendere buonissimi panini ai bagnanti?

Seguici su Facebook e scopri il meglio dello street food

1
Precedente Sucessiva

Chiudi la gallery Torna su