Accedi con
oppure

Novant’anni di fantasia. Buon compleanno tramezzino!

Il tramezzino è spesso il pranzo di chi lavora e ha poco tempo.

Il termine tramezzino deriva da tramezzo, che è posto tra due cose, che divide. Fu coniato da Gabriele D’Annunzio durante il ventennio fascista per sostituire il termine inglese sandwich.
Nacque nel 1925 nello storico Caffè Mulassano di Torino, che creò la versione italiana dell’inglese sandwich.

Il gradimento di questa fette di pane farcite è cresciuto nel tempo, tanto da rappresentare, assieme al panino, il 34% delle scelte di chi consuma un pranzo fuori casa durante la settimana, davanti alla pizza (33,8%) e a un semplice primo piatto (29,8%). (Ufficio studi di Fipe Confcommercio).

Esattamente novant’anni fa, i proprietari dello storico locale di Torino, importarono Stati Uniti il tramezzino, il pane che si utilizzava era quello per la preparazione dei toast.
L’idea piacque, ed ebbe un notevole successo ed i soffici panini, senza essere tostati, imbottiti con insalata, salmone, uova sode o salumi, venivano serviti, e furono chiamati tramezzini per eliminare quell’anglicismo malvisto in epoca fascista.

Da allora ci sono 4 regole fondamentali che, il perfetto tramezzino deve rispettare:

1)    Il pane deve essere rigorosamente bianco.

2)    La maionese deve essere fatta in casa, leggera e giallo chiaro.

3)    Non devono mai essere avvolti nel cellophane!

4)    Vanno conservati in fresco sotto i tovaglioli umidi.

Buon compleanno tramezzino!

Seguici su Facebook e scopri il meglio dello street food

1
Precedente Sucessiva

Chiudi la gallery Torna su