Accedi con
oppure

Cos’ è la jota e dove si mangia

La Jota è un piatto dalle origini balcaniche a base di fagioli, patate e crauti.

Dal latino “jutta”, ovvero beverone, brodaglia, la jota è particolarmente diffusa in Istria e nel Friuli-Venezia Giulia, in particolare a Trieste e Gorizia.
Anticamente veniva consumata prevalentemente tra gli strati più poveri della società, poiché costituita da ingredienti semplici e di origine contadina.

Nelle zone di Gorizia e del Carso la preparazione della jota si contraddistingue per l’impiego di orzo o mais e una minore quantità di fagioli, mentre i crauti vengono sostituiti o integrati dall’aggiunta di brovada o farina gialla per polenta.
La jota in versione triestina prevede l’utilizzo, assieme alla pancetta, del cavolo cappuccio e della cipolla.

La preparazione dei fagioli nella jota friulana

La ricetta tradizionale della jota friulana prevede l’impiego dei tre ingredienti di base, ovvero fagioli, crauti e patate, insieme a costine o altre carni di maiale affumicate e spezie per insaporire.
Per realizzarla occorrono, inoltre, farina, olio, aglio, pepe, alloro e cumino.
Come si usa per la preparazione dei legumi, i fagioli secchi vengono immersi in acqua fredda non salata e lasciati in ammollo per almeno una notte, trascorsa la quale si procede con la bollitura dei legumi insieme a qualche foglia di alloro e a uno spicchio di aglio per circa un’ora e mezzo.

Il soffritto e i crauti

Nel frattempo si prepara una padella con olio e aglio tritato e vi si fanno rosolare i crauti con aggiunta di cumino per circa un’ora e mezzo, salando e pepando.
In un altro tegame viene versato dell’olio al quale si aggiunge la farina a poco a poco, mescolando con cura per evitare la formazione di grumi, fino ad ottenere una crema che servirà a insaporire la zuppa.

Le patate e la carne

A questo punto si uniscono ai fagioli le patate tagliate a tocchetti e si procede con la cottura a fuoco lento per circa mezz’ora, dunque si aggiungono i crauti e il soffritto precedentemente preparati e si completa la cottura per altri 15 minuti circa, per poi aggiustare con sale e pepe a piacimento e servire calda. Si può anche far cuocere insieme ai fagioli della carne di maiale o salsicce, oppure far rosolare della pancetta affumicata nell’olio prima di aggiungere i crauti, per una jota ancora più succulenta. I fagioli e le patate in alcune varianti di jota vengono passati fino ad ottenere una purea da unire ai crauti e alla crema.

Potete assaggiare la rinomata specialità carsolina presso l’Azienda Agricola Colja, vicino a Trieste.

Seguici su Facebook e scopri il meglio dello street food

1
Precedente Sucessiva

Chiudi la gallery Torna su