Accedi con
oppure

Filetto di Baccalà, passione ‘Capitale’

Una croccante panatura ricopre un cuore bianco e morbido, che quasi si scioglie in bocca…davvero difficile resistere!
Originario dell’Atlantico settentrionale, il baccalà altro non è che merluzzo sotto sale, a differenza dello stoccafisso che viene invece essiccato. I suoi filetti, dissalati tramite lungo ‘ammollo’ in acqua, passati in pastella e fritti, sono uno dei cibi cult della cucina romana. La ricetta si dice provenga dalla tradizione ebraica, presa in prestito dalla restante comunità capitolina ed usata dai cattolici specie per sostituire la carne nei giorni di magro.

La sua presenza, obbligatoria nel menu della Vigilia di Natale, ne è l’emblema. Suo primo fan, a quanto pare golosissimo di questa leccornia, Pio XII, il Pontefice in persona. Oggi il consumo del filetto di baccalà fritto prescinde dalle evenienze religiose ed è un apprezzatissimo cibo di strada durante tutto l’arco dell’anno. Sono in molti a proporlo in città, osterie, gastronomie, ristoranti e non mancano certo le versioni ‘a portar via’. Sua ‘patria’ è certamente il Ghetto romano; qui, nei vicoli di una bellezza antica e suggestiva, è facile imbattersi nel turista, ma anche nel Romano Doc, intento a degustare un filetto ancora caldo. Vediamo le migliori proposte:

    RosticceRì
    Piccola e centralissima gastronomia a due passi da Piazza Navona.
    Il guru del pesce di Roma, propone Polpette di baccalà aromatizzate con aglio prezzemolo, uovo e latte in versione take away.

    O’Cartoccio
    Una friggitoria che propone varie tipologie di cartocci da portar via o da mangiare seduti a uno dei tavoli interni.
    All’interno di un cono di carta paglia viene servito, oltre a fritture di paranza, di calamari e di patatine, anche il baccala.

    La Vongola Vorace
    Tutti i giorni per pranzo è possibile fermarsi a mangiare nella sala interna davanti al bancone o portar via ciò che di buono esce dalla cucina.
    Le proposte del menu variano dagli antipasti ai secondi, come baccalà mantecato o il classico cartoccio di calamari.

    Strit Fud
    Propone il meglio del cibo di strada italiano da nord a sud, con un’offerta gastronomica che comprende arancine e pane e panelle siciliane, panini al lampredotto e con il lesso toscani, filetti di baccalà in pastella romani, pizzelle fritte napoletane, giusto per dare qualche idea.

    Dar Filettaro a Santa Barbara
    Semplicemente un’istituzione. Da decenni nel cuore dell’urbe (a pochi passi da Campo de’ Fiori) soddisfa i palati dei romani e dei tanti turisti che qui si fermano attratti dall’irresistibile aroma del baccalà fritto. Classico.

    Seguici su Facebook e scopri il meglio dello street food

    1
    Precedente Sucessiva

    Chiudi la gallery Torna su