Accedi con
oppure

Fiori di zucca in pastella, ricetta tradizionale romana

A San Valentino sorprendila con un mazzo di fiori di zucca in pastella!

I fiori di zucca in pastella sono un piatto tipico della tradizione italiana, presenti in tantissime regioni, con ricette che in genere si assomigliano molto.
Si tratta dei fiori delle zucchine, che vengono raccolti appena sbocciati, puliti e mondati e fritti dopo averli immersi in una pastella che diventerà croccante.

Si possono gustare in moltissimi locali, sparsi lungo la penisola; sono da preferire le friggitorie tradizionali, dove si assaggiano spesso anche versioni farcite con acciughe o mozzarella. Il locale 96 Ore a Roma è una pizzeria che prepara anche piccoli cartocci di piatti fritti.

Anche all’Antica Friggitoria Carega di Genova presenta invece solo piatti fritti, con le ricette della tradizione. Anche da Fritto Sì, a Taranto, si possono trovare ottimi fiori di zucca in pastella, ma anche tanti fritti a base di pesce.

Se volete prepararli a casa la ricetta è di facile esecuzione.

Ricetta
Ingredienti

  • 100 gr. Farina 00
  • Sale q. b.
  • 1 Uovo
  • 200 gr. Acqua fredda
  • 15 fiori di Zucca
  • Olio di semi di girasole per friggere

L’importante è pulire bene i fiori, mentre si scalda l’olio: preparate una pentola ampia, con una buona dose di olio di semi, che dovrà raggiungere almeno i 150°C, per permettervi di avere un fritto asciutto e croccante.

Appoggiate i fiori lavati su un canovaccio, per asciugarli perfettamente. Quindi preparate la pastella, mescolando farina, acqua gelata e tuorlo d’uovo. Non c’è bisogno di impastare a lungo, ma è bene evitare di creare grumi, che possono risultare fastidiosi anche dopo la cottura.

La pastella deve essere abbastanza fluida, ma sufficientemente viscosa da attaccarsi alla superficie dei fiori. Se necessario è possibile effettuare piccole aggiunte di farina o di acqua per modificare la consistenza del composto.

Quando l’olio è caldo passate ogni singolo fiore nella pastella e quindi tuffatelo nella padella per la frittura. Lasciate cuocere fino a doratura, girando i fiori per farli cuocere perfettamente dalle due parti. In genere servono circa 1-2 minuti per lato.

Quindi scolate i fiori dall’olio e poneteli su della carta assorbente, per asciugarli dall’olio in eccesso. Evitate di riempire eccessivamente la padella durante la frittura, perché altrimenti la temperatura dell’olio si abbassa e si rischia di ottenere un fritto molle e intriso di olio.

I fiori di zucca in pastella vanno mangiati subito, ancora caldi, dopo averli spolverizzati con un pizzico di sale. Quando si frigge è meglio evitare di salare la pastella perché questo porterebbe all’estrazione dell’umidità dai fiori, portando ad un fritto molto unto.

Questo piatto si prepara rapidamente, anche per un aperitivo con gli amici, quando li acquistate verificate che siano freschi e privi di punti scuri o di strappi nella corolla, che indicano una eccessiva lunghezza del periodo di conservazione.

Volendo si possono personalizzare, utilizzandoli come piccoli scrigni. Dopo la pulizia si possono farcire i fiori di zucca con pancetta, prosciutto e provola, acciughe, mozzarella. L’importante è evitare di riempirli eccessivamente e ricoprirli perfettamente con la pastella, per evitare che il ripieno fuoriesca.

Quando si utilizza la mozzarella per riempire i fiori di zucca è bene tagliarla in anticipo, e lasciarla scolare su un colino, perché è un formaggio molto umido e l’acqua contenuta potrebbe riversarsi nell’oio, causando schizzi. Altrimenti è possibile utilizzare la mozzarella che ha 3-4 giorni, più soda e compatta di quella fresca.

In alcune regioni italiane la ricetta prevede semplicemente di infarinare i fiori prima della frittura, per ottenere un piatto più semplice e leggero; in altre zone invece si preparano come le cotolette di carne: prima si infarinano, poi si passano nell’uovo sbattuto e quindi nel pane grattugiato.

Seguici su Facebook e scopri il meglio dello street food

1
Precedente Sucessiva

Chiudi la gallery Torna su