Accedi con
oppure

Pomodorini, origano e olive: questa è la Focaccia barese

A Bari sostengono che con la pizza non abbia niente a che fare, anzi vogliono che sia ben chiaro che la focaccia barese e la pizza sono prodotti completamente diversi. La differenza sta negli ingredienti,  farina “00″, semola rimacinata di grano duro, olio extravergine d’oliva, un pezzo di lievito naturale, zucchero, un cucchiaino colmo di sale, patate lesse, acqua tiepida, pomodorini ciliegina, olive in salamoia e origano.

La forma deve essere rotonda, come la teglia in cui viene cotta, che, secondo la tradizione, non va mai lavata, ma sfregata con la carta.

Nel 2010 si è costituito il Consorzio Focaccia barese che ha iniziato l’iter per l’iscrizione della Focaccia di Bari nel registro europeo delle STG, acronimo che designa le specialità tradizionali garantite.

A Bari Elisa Mucalia,  ha un locale che in poco tempo è diventato molto apprezzato proprio per la bontà della sua focaccia barese La Pupetta. Elisa ci ha raccontato come fare questo piatto street, descrivendo nel dettaglio tutti i passaggi:

Ingredienti (4 persone)

Per l’impasto:

  • 200 gr farina di grano tenero
  • 150gr di farina di semola rimacinata
  • 300 ml di acqua tiepida
  • 80 gr di lievito naturale e/o pasta madre
  • 100 gr di olio extra vergine di oliva
  • un pizzico di sale
  • mezza patata media lessata
  • 1 pizzico di zucchero

Per il condimento:

  • 200 gr pomodorini ciliegini
  • olive verdi baresane in salamoia
  • origano q .b.

Preparazione

Impastare le farine, il lievito, l’olio, il sale, lo zucchero, l’acqua e la patata. Far riposare per circa un’ora l’impasto e poi formare una massa a palla.

Ungere la teglia con l’olio di oliva, rigirarci la massa di impasto. Eseguire la ‘puntatura’ per 15 minuti, in pratica schiacciare l’impasto con la punta delle dita, poi disporre i pomodorini tagliati a metà, olive, olio extra vergine di oliva Terra di Bari DOP, origano, sale e infornare a 250 gradi per circa 20 minuti.

Tra la base ben cotta e i pomodorini, deve restare un piccolo strato semi-liquido dal sapore ricco, con un tipico gusto dolce che si fonde all’ impasto salato, assolutamente da provare!

Seguici su Facebook e scopri il meglio dello street food

1
Precedente Sucessiva

Chiudi la gallery Torna su