Accedi con
oppure

Il fritto a Genova, le antiche sciamadde

Il fritto a Genova ha un’antica tradizione.
Prima ancora che lo street food diventasse di moda, nel capoluogo ligure esistevano le sciamadde, antiche friggitorie e forni a ridosso del porto, dove si rifocillavano operai e marinai.
Oggi questi locali, parte integrante della storia di Genova, sono diventati una meta anche per i turisti, che si avventurano per le strade della città vecchia.

I cartocci di pesce fritto, le farinate, le panisse (cubetti di farina di ceci) e i frisceu (frittelle) di baccalà sono alcuni dei tipici cibi di strada genovesi, che sembrano fatti apposta per essere gustati all’aria aperta, sul lungomare o passeggiando per i caruggi.
Non c’è quindi da meravigliarsi che anche a Genova le manifestazioni legate allo street food, come la Street food parade, si siano moltiplicate.

Il quartiere della città dove si concentra il maggior numero di sciamadde è naturalmente la zona del Porto Antico. Qui antiche friggitorie si mescolano a nuovi locali, per portare avanti la tradizione del cibo di strada genovese.
Di seguito vi proponiamo una nostra selezione dei posti migliori dove mangiare street food a Genova.

Nel cuore del centro storico medievale della città, dove ha sede il mercato del pesce, si trova l’Antica friggitoria Carega.
Il posto non è molto grande, ma vanta un bancone di tutto rispetto, come nelle migliore tradizione del cibo di strada. Questo locale, amato anche da Fabrizio De Andrè, propone ai suoi avventori i sapori tradizionali della gastronomia genovese dal 1942, friggendo tutto nella cucina a carbone, come si faceva una volta.
Piatti forti sono le panisette, frittelle preparate con una polenta di farina di ceci, le farinate e le torte di verdure. Non mancano naturalmente i piatti a base di pesce, come il polpo bollito, il baccalà fritto e il fritto misto, il locale è oggi meta di genovesi e turisti, in un miscuglio di accenti e dialetti che rallegra l’orecchio.

Più antica ancora della friggitoria Carega è l’Antica Sciamadda che, da duecento anni, sforna ogni giorno cartocci di panisse e cuculli (fritti a base di farina di ceci). A due passi dal porto antico, si trova anche il locale Sa Pesta, famoso per la sua farinata preparata in tegami di rame e cotta nel forno a legna, come vuole la tradizione. Non mancano a menu nemmeno altri piatti tipici, come le acciughe ripiene, le torte di bietole e cipolle e la torta di riso.

Sulla tradizione gastronomica punta anche la friggitoria Farinata dei Teatri, situata proprio di fronte a due teatri: il Teatro Duse e il Politeama. Il locale è gestito dal 1861 dalla famiglia Vaccari, che di generazione in generazione si tramanda le ricette della cucina di strada genovese. Non a caso, nonostante il posto sia piccolo e semplice, può annoverare tra i suoi avventori anche diverse celebrità.
Tra i suoi piatti forti ci sono senza dubbio la farinata di ceci, le torte di verdure e il baccalà fritto. Una specialità della casa, raramente proposta nei menu, sono le pere cotte con il vino nel forno a legna. Se non volete mangiare passeggiando, potete accomodarvi all’interno del locale… alla peggio, vi capiterà di condividere il tavolo!

Alle spalle dell’antico porto, troviamo Le delizie dell’amico, un piccolo locale aperto da pochi anni, ma che è già riuscito a conquistare il palato degli amanti dello street food genovese. Tra focacce, farinate ai carciofi e cipollotti ripieni, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Non possono ovviamente mancare i fritti, preparati come vuole la tradizione: baccalà fritto, cuculli e panissa, fritto misto.

Infine, completano il menu alcune specialità genovesi non proprio ”finger food”, come le acciughe ripiene e le seppie in umido. Se avete tempo di fermarvi a mangiare, prima di immergervi di nuovo tra i vicoli della città vecchia, potete ordinarne una porzione e scambiare due chiacchiere con i simpatici proprietari.

Seguici su Facebook e scopri il meglio dello street food

1
Precedente Sucessiva

Chiudi la gallery Torna su