Accedi con
oppure

Pane cunzato: voi con cosa lo condite?

La bontà sta tutta nella sua semplicità.

Si tratta di uno dei più tradizionali pasti della gastronomia siciliana. Uno spuntino veloce molto diffuso nei secoli scorsi in tutta la Sicilia soprattutto tra i più poveri. Da alcuni viene anche chiamato pane “disgraziato” proprio per la sua natura poverissima.

Stiamo parlando del Pane Cunzato, un’invitante e gigantesca pagnotta cotta artigianalmente condita con pomodorini, origano, i celebri capperi, nelle varianti con tonno, ricotta infornata, melanzane e altri prodotti tipici.

    Quando ci si trova in Sicilia, è impossibile lasciarsi sfuggire questo ghiotto pane condito.
    Come sempre capita, ogni zona ha la propria ricetta, che in questo caso si differenzia per la forma: in Sicilia, il pane cunzato somiglia di più a un panino imbottito, mentre il pane cunzato eoliano somiglia a un’enorme bruschetta.

    Ecco un paio di locali dove provare le due varianti:
    La Vecchia Salumeria: tradizionale pane cunzato, da più di 120 anni. Schiacciata o pane rotondo condito con olio extravergine di oliva, filetti di acciughe di Sciacca, pomodoro a fette, caciocavallo di Ragusa macinato in polvere, primosale locale, basilico a foglie, olive denocciolate e origano di Pantelleria.

    Bar Alfredo: Il “pane cunzato” (“conciato” o meglio condito) qui viene proposto non come da trazione; al posto del panino o della fetta c’è un disco di pane, tostato, e servito con farciture diverse, tutte a base dei sapori dell’isola: dai dolci pomodorini alle alici sott’olio, dalle cipolle rosse (intrecciate e appese su ogni balcone di Salina) ai capperi (semplici, in pasta o nella loro versione di “cucunci”), senza dimenticare le abbondanti grattugiate di ricotta salata al forno che viene dai caseifici della zona di Milazzo.

    Con gli ingredienti giusti è facilissimo farlo anche a casa. Vediamo come:

    Ingredienti:

    • Pane casereccio, filone (cucciddatu siciliano)
    • Pomodori maturi e succosi
    • Filetti di acciuga sott’olio
    • Formaggio primo sale (o mozzarella) a fettine
    • Capperi
    • Olive nere
    • Basilico
    • Olio extravergine d’oliva
    • Origano
    • Sale e pepe

    Preparazione:

    Non indichiamo le dosi perché ognuno può regolarsi con il proprio gusto, più acciughe, meno capperi.

    Il pane può essere tostato, inumidito o lasciato così com’è
    Tagliare i pomodori a pezzetti, metterli in una ciotola, insieme ai capperi dissalati, alle olive nere spezzettate, alle acciughe tagliate a pezzetti, al sale, al basilico e finire con un buon olio extra vergine di oliva.
    Mescolare bene e distribuire sulle fette di pane.

    Attenzione, però: non chiamatela bruschetta!

    Seguici su Facebook e scopri il meglio dello street food

    1
    Precedente Sucessiva

    Chiudi la gallery Torna su