Accedi con
oppure

Pizza Umbra di Pasqua: cos’è e dove si mangia

In Umbria a Pasqua si mangia una pizza particolare: si tratta della ricetta della tradizione enogastronomica di questo territorio.
La pizza umbra di Pasqua è un pane che presenta nell’impasto anche uova e formaggio.
Un sapore particolare che risale alle origini contadine di questo prodotto tipico: si sposa perfettamente con salumi o uova sode per antipasto.

Questo tipico piatto pasquale potete assaggiarlo presso il locale La Roccia a Nocera Umbra (PG) , oppure alla Bisceria Vecchia Flaminia a Nocera Umbra (PG), 9 dove lo preparano da tanti anni seguendo sempre la ricetta originale.
Infine la pizza umbra si può gustare anche dal Clandestino a Nocera Umbra (PG).

Ricetta

Ingredienti

  • 500 gr. de Farina 00
  • 20 gr. di Lievito di birra fresco (in alternativa si può utilizzare anche il lievito madre)
  • ½ bicchiere di Olio di oliva extravergine
  • 1 bicchiere di Latte fresco pastorizzato
  • 5 Uova medie
  • 120 gr. di formaggio Parmigiano Reggiano grattugiato
  • 120 gr. di formaggio Pecorino grattugiato
  • 150 gr. di formaggio Emmental
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

La preparazione della pizza umbra di Pasqua è abbastanza semplice e immediata, ma, perché il risultato finale sia perfetto, è necessario seguire alla lettera ogni passaggio della ricetta.

Per prima cosa prendete il lievito di birra e scioglietelo nel latte facendolo poi riposare. Evitate che si formino grumi. In alternativa si può utilizzare anche il lievito madre. L’utilizzo del lievito madre era molto diffuso in passato, quando la ricetta veniva tramandata oralmente da una generazione a quella successiva.
In un contenitore mescolate le uova, il formaggio pecorino grattugiato, il parmigiano reggiano, la farina, l’olio extravergine d’oliva e aggiungete un pizzico di sale e pepe per aggiustare il sapore.

Fate amalgamare in modo omogeneo tutti gli ingredienti e aggiungeteci per ultimo il lievito di birra sciolto nel latte.
Continuate a impastare senza fermarvi il composto. Potete farlo a mano o, più comodamente, con un’impastatrice elettrica.

Conclusa questa operazione potete versare il vostro impasto in uno stampo alto o, se preferite, in due stampi separati. L’importante è fare in modo che la pasta non oltrepassi la metà dello stampo. Dovendo lievitare, è importante che resti all’interno del contenitore prima della cottura.
A questo punto potete aggiungere il formaggio emmental tagliato a cubetti (piccoli) all’interno dell’impasto. Infilatelo direttamente all’interno del composto.

Coprite lo stampo con un panno pulito possibilmente di cotone e aspettate circa un’ora che avvenga la lievitazione.

Scaldate il forno a 180 gradi e, una volta raggiunta la temperatura, inserite il vostro stampo.
Dopo circa trenta minuti il colore della pizza umbra dovrebbe essere dorato. Togliete la teglia dal forno e aspettate che questo particolare pane si raffreddi.
La pizza umbra va mangiata accompagnando un buon salume umbro o toscano, o un formaggio della zona, oppure con le uova sode.

Esistono un paio di varianti che, pur, non alterando il risultato finale, permettono di accorciare i tempi di preparazione o di rendere questo piatto adatto a chi soffre di particolari intolleranze.

La prima variante consente un importante risparmio di tempo. È infatti possibile utilizzare del lievito disidratato istantaneo nell’impasto.
Questo permette di risparmiare tutto il tempo necessario alla lievitazione del prodotto e, alla fine, non ci si accorge minimamente della differenza.

Un’altra possibile variante è quella che può essere applicata per permettere anche a chi soffre di celiachia, ed è quindi intollerante al glutine contenuto nella farina di grano, di poter assaggiare questo prodotto tipico di Pasqua. In questo caso si può sostituire la farina 00 della ricetta originale con un mix di torte salate che si trova facilmente in vendita. Eventualmente si può anche aggiungere dello xantano per aumentare la consistenza dell’impasto.

Ci sono infine due consigli che possono tornare utili se avete intenzione di preparare la pizza di Pasqua di origine umbra. Gli stampi per questo prodotto tipico si chiamano tielle e si trovano abbastanza facilmente in commercio. Se non le trovaste, potete utilizzare senza problemi anche gli stampi per i panettoni, oppure, per i più abili manualmente, potete modellare la carta da forno in modo da renderla utile alla causa.

La pizza di Pasqua umbra ha la tendenza a seccarsi piuttosto velocemente, quindi, una volta che l’avete preparata, se non la consumate tutta subito, il consiglio è quello di conservarla all’interno di una busta di plastica o avvolta in un panno. In questo modo manterrà la sua tradizionale fragranza.

Seguici su Facebook e scopri il meglio dello street food

1
Precedente Sucessiva

Chiudi la gallery Torna su