Accedi con
oppure

Un pizzaiolo napoletano inventa la pizza terapeutica

Una pizza margherita al posto della pastiglia.
Curarsi andando in pizzeria anziché in farmacia non è più un sogno, parola del pizzaiolo napoletano Guglielmo Vuolo che ha presentato a Napoli una versione speciale di pizza terapeutica.

“Con le sue circa 600 Kcal, la pizza Margherita è un pasto completo, ma se condita con ingredienti selezionati e ben combinati tra loro, può addirittura concorrere al benessere fisico per le sue proprietà terapeutiche” sostiene Vuolo.

Il maestro pizzaiolo partenopeo ha elaborato un impasto particolare, realizzato con sola acqua di mare purissima, 100% made in Italy, che risulta facilmente digeribile, dotato anche di una forte valenza iposodica.

Nascono così 3 nuove pizze, buone e che fanno anche bene.

Sono Vita, Tiresia ed Eracle, ognuna delle quali è stata pensata per particolari esigenze. Vengono utilizzati ingredienti diversi, ma con un comune denominatore: tutti prodotti dell’eccellenza agroalimentare campana.

Vita è pensata per le donne incinta. E’ un pizza bianca, con crema di ricotta di bufala, aromatizzata ai pinoli tostati. Per agevolare la digestione, il maestro Vuolo ha aggiunto polvere di curcuma e petali di fiori essiccati. Non può mancare ovviamente l’olio, ricco di omega 3 che previene la formazione delle smagliature.

Per chi fa sport, Vuolo ha pensato a Eracle, dal nome dell’eroe greco, ricordato tra le altre vicende mitologie dell’Antica Grecia per le dodici fatiche. Bresaola, portulaca e cicatricola arricchiscono la pizza degli sportivi che si completa con olio di noci e zeste di limone. Tutti ingredienti fondamentali per il reintegro di proteine, vitamine e sali minerali.

Altra pizza della serie delle iposodiche, già inserite in menù, è Tiresia. Una marinara con pomodoro del piennolo, aglio dell’Ufita, origano dei Monti Alburni e le alici fresche che, in quanto pesce azzurro, stimolano il metabolismo.

Si può parlare, quindi, di pizza terapeutica? “In qualche modo sì, a cominciare dal palato”, risponde Vuolo. “La margherita è un pasto completo – spiega – se condita con ingredienti selezionati e ben combinati tra loro, può concorrere al benessere fisico”. Perché il segreto è sì mangiare bene, ma anche combinare a dovere gli ingredienti tra di loro.

E se avete problemi di gonfiore o stress, stanno arivando Poseidon e Faustus.
La prima è una marinara con pomodoro aromatizzato allo zenzero, prosciutto crudo di Nero casertano, riccioli di sedano, olio al peperoncino e curcuma (pensata per il meteorismo e il gonfiore).

Faustus, invece, è una margherita bianca con fior di latte, pesto rosso di basilico, pinoli e mandorle tostate, ideale per chi soffre di ansia e di stress.

Insomma, una pizza non sarà porta certo sostituire i farmaci, ma, può essere d’aiuto o almeno può farci più felici.

Seguici su Facebook e scopri il meglio dello street food

1
Precedente Sucessiva

Chiudi la gallery Torna su