Accedi con
oppure

Uno spuntino, un momento di pura felicità, è il rustico leccese

Il rustico leccese è una specialità salentina “da passeggio” e lo si trova in ogni forno, bar o rosticceria.

E’ un simbolo, un momento di pura felicità, uno spuntino. Un morso al disco di pasta sfoglia ed ecco arriva il gusto più intenso e genuino del ripieno di pomodoro e mozzarella. Un altro morso e c’è il rischio di sporcarsi, quindi occhio che non sia troppo caldo

Se siete in zona, è d’obbligo un pellegrinaggio alla Rosticceria Moscara, che sforna rustici originali da oltre 40 anni.

Per chi vuole gustarlo a casa, ecco la ricetta semplicissima:

Per la la besciamella:

  • 50 g di farina
  • 50 g di burro
  • mezzo litro di latte
  • sale e pepe, e noce moscata.

Sciogliere il burro a fuoco lento in un pentolino. Aggiungere la farina e mescolare accuratamente con una frusta. Aggiungere a filo il latte tiepido e continuare a mescolare con la frusta.
Cuocere su fiamma bassa, sempre mescolando con cura per fare in modo che non si formino grumi. Insaporire con sale e pepe e una bella grattugiata di noce moscata.

Aggiungere un po’ di farina se la besciamella non è abbastanza densa.

Per il sugo si può anche usare la passata, ma non è uguale anche perché in questo modo il rustico diventa troppo unto. Nella tradizione vengono usati i pomodori pelati.

Adesso che ci sono tutti gli ingredienti si può cominciare a preparare i rustici.

Stendere la sfoglia e ricavarne delle forme circolari con l’uso di una tazza o un tagliapasta.
Ora che tutte le forme sono fatte, prendere il primo cerchio, mettere un cucchiaio di besciamella, un po’ di pomodoro schiacciato, origano e un po’ di mozzarella fiordilatte.
Passare la circonferenza con un pennello bagnato d’acqua e ricoprire con un altro cerchio di pasta sfoglia.

Fare in modo che i bordi aderiscano del tutto, schiacciando dal centro verso l’esterno, in modo da togliere l’aria garantendo così un’ottima tenuta in fase di cottura, anche con l’aiuto di una tazza.
Dopo averli preparati, passare la superficie con un pennello intinto in un uovo battuto e poi mettere in forno caldo a 200 °C per una ventina di minuti.
Una volta cotti lasciarli intiepidire.

Seguici su Facebook e scopri il meglio dello street food

1
Precedente Sucessiva

Chiudi la gallery Torna su