Accedi con
oppure

Scaccia ragusana: cos’è e dove si può mangiare

La scaccia è un piatto tipico della cucina ragusana, la cui ricetta viene tramandata di madre in figlia.

Si tratta di rotoli di pasta sottile, farciti in diversi modi a seconda dei gusti e della stagione.

Nato come piatto povero della tradizione popolare, le scacce sono oggi tra i cibi di strada siciliani più apprezzati.

Sono molti i panifici e le rosticcerie del ragusano che propongono questo cibo di strada, in particolare nella zona di Modica. Se vi trovate da queste parti e volete fare uno spuntino veloce, la Rosticceria Antichi Sapori propone ai suoi clienti scacce farcite per tutti i gusti, con carne o vegetariane. In alternativa, potete assaggiare le scacce preparate dalla Focacceria Don Puglisi, gestita da una cooperativa dedicata alla memoria del sacerdote ucciso dalla mafia.

Arroccato nella parte alta della città, a Modica c’è anche un ristorante che ha inserito le scacce nel suo menu, la Taverna Nicastro. Se volete godervi un pasto con tutta calma, assaggiando anche altri piatti tipici della gastronomia siciliana, lo street chef Salvatore Nicastro non vi deluderà.

Ricetta

Per 4 persone

Ingredienti per la pasta:

  • 500 gr. di Farina di semola di grano duro
  • 300 gr. d’Acqua tiepida
  • 8 gr. di Sale
  • 12 gr. di Lievito di birra
  • 1/2 bicchiere di Olio extra vergine di oliva (Evo)
  • 1/2 bicchiere di Vino bianco
  • 1/2 Limone (succo)

Ingredienti per il condimento:

  • 1 melanzana
  • 250 gr. di Passata di pomodoro
  • 250 gr. di Provola

La pasta della scaccia ragusana viene preparata mescolando farina di grano duro, sale, olio e acqua, impastati insieme al lievito di birra. Prima di tutto, quindi, disponete la farina a fontana sulla spianatoia. Nel centro aggiungete il lievito sciolto in acqua tiepida, il succo di limone e il vino.

Cominciate a lavorare l’impasto finché non diventa liscio, morbido ed elastico. A questo punto allargate la pasta sulla spianatoia e bucherellatela con le dita. Versatevi sopra l’olio d’oliva e il sale e continuate ad impastare.

Quando l’olio viene assorbito completamente, potete passare a stendere l’impasto con il mattarello. Tirate la pasta fino a che non diventa una sfoglia sottile e rotonda, aggiungendo un po’ di farina nel caso in cui dovesse attaccarsi. Fate attenzione che la sfoglia sia molto sottile, altrimenti la pasta coprirà il sapore del condimento.

Tagliate a cubetti la melanzana e la provola, poi versate sulla pasta la salsa di pomodoro, un filo d’olio e il condimento, facendo attenzione a lasciare un margine di circa un centimetro tutt’intorno.

Procedete quindi a chiudere la scaccia, avvolgendo da due parti la pasta condita, in modo che non sia più larga di 7-8 cm. Al centro della sfoglia i due lembi vanno chiusi a libro, mentre occorre chiudere la pasta ai lati aperti facendo un bordino con la pressione delle dita.

Per permettere la fuoriuscita del vapore durante la cottura, bucherellate la pasta con una forchetta. Spennellate poi la superficie della scaccia con olio o con uovo sbattuto e ungete una teglia, dove sistemarla per metterla in forno.

Preriscaldate il forno a 200° ed infornate per circa 30 minuti. Non appena la pasta assumerà un colore dorato, potete sfornare la vostra scaccia.

Questo piatto semplice e gustoso, proprio della tradizione contadina ragusana, si preparava un tempo una volta a settimana, condito con verdure di stagione e formaggio, e cotto insieme al pane, nel forno in pietra o a legna. Oggi le scacce sono una ricetta tipica delle feste, anche se in molte famiglie si preparano ancora in qualsiasi periodo dell’anno.

Con il passare del tempo e il variare dei gusti, anche i condimenti sono cambiati. Oltre al condimento che vi abbiamo proposto (provola, pomodoro e melanzane), i ripieni più diffusi si dividono in due gruppi: a base di ricotta (ricotta e salsiccia, ricotta e spinaci, ricotta e cipolla) o a base di pomodoro (pomodoro e formaggio, pomodoro e basilico, pomodoro e cipolla, pomodoro, prezzemolo e acciughe)

Seguici su Facebook e scopri il meglio dello street food

1
Precedente Sucessiva

Chiudi la gallery Torna su