Accedi con
oppure

Uno dei dolci più buoni della Sardegna: le seadas

Le seadas sono un dolce tipico sardo costituito da due dischi di pasta di semola,  con un ripieno di formaggio tenero, leggermente acidulo, e scorza di limone.
Il tutto viene fritto in abbondante olio caldo e servito con miele fuso e zucchero a velo.

Numerosi sono le pasticcerie e ristoranti in cui poter gustare la ricetta originale delle seadas; fra questi vale assolutamente la pena ricordare la pizzeria Lu Furat ad Alghero.
Il nome, di origine catalana, lingua parlata ancora in queste zone dell’isola, significa ‘buco’, e rievoca le piccole dimensioni del locale. Qui è ancora possibile gustare un’ottima cucina tradizionale sarda, il tutto preparato con ingredienti di qualità eccellente e di origine locale.

A Stintino, nel nord della Sardegna, si trova il Biscottificio Demelas, un laboratorio artigianale, offre ai clienti i migliori prodotti tipici dell’isola italiana.
Si possono trovare pasta fresca (malloreddus, culurgiones, lorighittas, fregula) e tantissimi tipi di biscotti (tiricche, amaretti sardi, gueffus, savoiardi, papassinos).
Ma i veri prodotti per i quali i clienti scelgono come tappa questo negozio, sono i dolci al formaggio: ricottelle, pardulas e soprattutto seadas sono il miglior biglietto da visita del biscottificio.
Quest’ultime sono solitamente vendute d’asporto, ancora calde e grondanti di ottimo miele, e possono essere assaporate nei tavolini posti nelle vicinanze del locale.

Per finire a Cagliari è largamente consigliato Fritto Mania. Da come si può dedurre dal nome, i prodotti venduti sono generalmente tutti fritti ed appartengono rigorosamente alla tradizione sarda.
Gestito da mamma e figlia, è un esempio di locale in cui viene prodotto e servito un eccellente street food. Le fritture di pesce la fanno da padrone, ma è possibile gustare anche le kinghi, frittelle di patate e carote o le orziadas, attinie avvolte da una pastella croccante e fritte in abbondante olio caldo.
I culurgiones di Sadali, ravioli fritti ripieni di pecorino sardo sono uno dei piatti preferiti dai clienti che sicuramente non disdegnano neanche i dolci, tra i quali spiccano le seadas, la pizza fritta o le mele pastellate con cannella e spezie.

Le seadas si possono anche preparare facilmente a casa. Vediamo come:

Ricetta

Ingredienti per 4 persone

  • 500 gr. di Farina di semola di grano duro
  • 3 Uova
  • 1 cucchiaio d’Acqua
  • 3 cucchiai di Strutto fresco
  • Sale q.b.
  • Miele q.b.
  • Zucchero a velo q.b.
  • Olio per frittura q.b.
  • 1 kg Pecorino sardo fresco
  • 2 Arance
  • 1 Limone

Fate una fontana con la farina di semola di grano duro, precedentemente setacciata, e al centro versate le uova.
Sciogliete quindi il sale nel cucchiaio d’acqua aggiungetelo all’impasto.

Passate all’aggiunta dello strutto, un poco alla volta, in modo da ottenere un impasto morbido ed elastico.

Coprite il tutto con un canovaccio e lasciate riposare per circa un’ora.

Intanto che l’impasto riposa, grattugiate il formaggio e la scorza delle due arance, mescolate insieme il tutto, aggiungendo il succo di limone. Bisognerà ottenere una crema molto densa, che possa essere spalmata sui dischi di pasta.

Stendete quindi la pasta e formate dei dischi di diametro di circa 5-6 cm. Su ognuno di questi mettete un cucchiaio di crema e richiudete con un altro disco di pasta, facendo attenzione a sigillare bene i bordi, magari aiutandosi con una forchetta o con una rotella tagliapasta dentellata.

Procedete quindi scaldando l’olio e friggendo le seadas.
Una volta scolati i dolcetti, cospargeteli con abbondante miele, precedentemente riscaldato per renderlo liquido, e, se vi piace, con zucchero a velo.

Seguici su Facebook e scopri il meglio dello street food

1
Precedente Sucessiva

Chiudi la gallery Torna su