Accedi con
oppure

Voglia di un cartoccio di fritto? Ogni regione ha il suo!

Il cartoccio di fritto è uno dei simboli dello street food per antonomasia.

Buono perché il fritto è sempre una bontà per grandi  e piccini.
Comodo perché è uno dei cibi di strada più semplici da consumare passeggiando. Simpatico perché spesso i packaging di confezionamento del fritto sono di tendenza, colorati e brevettati per sporcarsi il meno possibile.
Regionale perché la sua peculiarità sta nell’essere declinato a seconda dei prodotti e delle tradizioni del territorio.

Se nelle zone costiere il cartoccio di fritto è a base di pesce, in quelle di lago è a base di pesce di acqua dolce, mentre nelle Marche spopolano le olive all’ascolana e al sud paste lievitate e verdure in pastella.

Abbiamo selezionato un po’ di indirizzi dove poter gustare i diversi cartocci di fritto.

Cartoccio di pesce

Gastropescheria Blumare “Le frit c’est chic”
A San Vito Chietino, proprio sulla costa abruzzese ricca di trabocchi, antiche macchine da pesca, si può gustare la classica frittura di paranza preparata con il pescato del giorno che viene poi fritto in olio di semi di arachidi

La Cuopperia del Convento 
Nella patria delle pregiate alici di Cetara il cuoppo di fritto, chiamato così perché siamo in Campania, non può che essere a base di alici, che vengono infarinate in una miscela di farina e semola rimacinata e fritte in olio extravergine di oliva.

Osteria del Gran Fritto 
A Cervia, tra la spiaggia e il porto di Milano Marittima, il fritto di mare di Stefano Bartolini viene servito in una coppetta di carta simile a quella per il gelato, nella quale si tuffano calamaretti, gamberi e triglie.

Osteria del Liffo
Lontano dal mare, ma con la garanzia di un pesce sempre fresco, a Sassuolo, nel modenese, il “fritto misto del viandante” si compone di anelli di calamaro e code di gambero serviti in un pratico box che ricorda quello orientale dei noodles.

Fish Take Away
Gamberi, totani e calamari fritti serviti al cartoccio con limone e pratico spiedino per l’inforchettamento sono la specialità della pescheria di Fiumicino di Nancy e Pietro con annesso locale per il consumo di street food.

Pescheria Montisola
Nel bresciano, a Monte Isola, essendo sul Lago d’Iseo, il cartoccio si compone di pesci d’acqua dolce, con agone e latterino.

Cartoccio di olive all’ascolana

25 Doc & Dop Degusteria
Nella patria delle olive all’ascolana,Ascoli Piceno, le “live”, come le chiamano in dialetto marchigiano, vengono proposte in un cartoccio in cui sono le uniche protagoniste, preparate secondo la ricetta tradizionale a base di carne e Parmigiano Reggiano DOP.

Siamo Fritti
Sempre ad Ascoli Piceno l’oliva all’ascolana viene rivisitata, per cui qui si possono gustare le Olive all’Ascolana del Piceno DOP nelle versione classica, secondo disciplinare, oppure nella versione tartufata, con un ripieno aromatizzato al tartufo.

Migliori Gastronomia Enoteca
Nell’azienda storica della famiglia Migliori, ancora ad Ascoli Piceno, le Olive all’Ascolana del Piceno DOP vengono servite al cartoccio nella variante classica, oppure in quella al baccalà, al tartufo e al formaggio.

Cartoccio di fritto misto

Bolpetta
A Bologna il cartoccio è a base di polpette fritte e aromatizzate in vario modo, da quelle di manzo classiche a quelle speziate, di pesce e dolci: c’è solo l’imbarazzo della scelta.

96 Ore
Nella città di Roma, ma in onore delle diverse regioni italiane, il cuoppo di fritto qui è un vero meltin’ pot e si compone di melanzane in pastella, crocchette di baccalà, fiori di zucca, supplì alla ‘nduja, olive all’ascolana e mozzarelline.

Coracino
Volendo gustare un cartoccio in pieno stile partenopeo a chilometri di distanza a Mantova c’è il cartoccio di fritto composto da piccole mozzarelle in carrozza, arancini al ragù, zeppoline di pasta lievitata con alghe marine e crocchette di patate.

Fritto Mania
Sul mare di Cagliari il cartoccio di fritto prevede pesce del territorio, come le sardine, accompagnate altre tipicità, come i culurgionis di Sadali – ravioli di pasta fresca fritti e farciti con pecorino sardo – e le orziadas – anemoni di mare.

Le Stuzzicherie di Silvana
Lontani dal mare e dal salato, ad Avigliano il cartoccio è il “cono di frittelle dell’imperatore”, preparate con toma fresca e pinoli e cosparse di zucchero semolato.

Seguici su Facebook e scopri il meglio dello street food

1
Precedente Sucessiva

Chiudi la gallery Torna su